Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

CALL FOR SL ARTISTS: Una Web Opera ispirata a Le Aziende In-Visibili

Locandina_incontro 

Le Aziende In-Visibili: Web Opera, Film, Talk Show, DVD musicale, Book Trailer. Un Manifesto collettivo per gli artisti di SL. 

Premessa
Il romanzo "Le Aziende In-Visibili", ispirato a "Le Città Invisibili" di Italo Calvino, è una riflessione narrativa collettiva sulla vita contemporanea  in un momento di enormi trasformazioni socio/tecnologiche, in cui l’azienda diviene metafora della condizione attuale (come lo era la città in Calvino).
L’opera è stata ideata e realizzata da Marco Minghetti  e dalla Living Mutants Society, che raccoglie 99 personalità eccellenti, rappresentative del Made in Italy  nel campo dell’arte, dell’economia, della cultura e dello spettacolo, quali Alessandro Zaccuri, Walter Veltroni, Paolo Savona, Enrico Bertolino, Aldo Bonomi, Valeria Rossi, Alessio Bertallot, Gianpietro Vigorelli, Gloria Bellicchi, Francesco Morace, Armando Massarenti, Pier Aldo Rovatti, Giulio Sapelli. Va inoltre sottolineato che:
• Le immagini di Luigi Serafini arricchiscono pregevolmente lo spirito visionario dell’opera, orientando l’immaginazione verso scenari surreali
• L’opera costituisce l’ultima realizzazione di un movimento culturale nato 15 anni fa, lo Humanistic Management (http://www.humanisticmanagement.it), cui hanno contribuito artisti come Milo Manara e il Premio Nobel per la Letteratura Wislawa Szymborska
• Il romanzo ha già trovato una prima declinazione qui nel blog-network di Nova100 (http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/)
• Intorno alle progettualità de Le Aziende In-Visibili è stato creato Gruppo in Facebook: http://www.facebook.com/group.php?gid=57922885134

In questo quadro Lunedi 09 febbraio alle ore 10 PM CET – 01 PM SLT ad Uqbar in Second Life http://slurl.com/secondlife/Uqbar/106/93/96 presso il museo del metaverso, Minghetti incontra creativi ed artisti per una presentazione del suo lavoro e una chiamata collettiva per la realizzazione di 5 Progetti finalizzati a tradurre Le Aziende In-Visibili in immagini, video e altre produzioni artistiche e creative.
L’incontro potrà essere anche seguito in streaming qui
http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/  http://slurl.com/secondlife/Experience%20Italy%20NW/128/124/38

Sulla bacheca di Marco Minghetti in Facebook potranno come di consueto essere postate domande durante la presentazione, cui verrà risposto in diretta.

Progetto 1: Web Opera
La grafica del volume richiama quella di una Intranet Aziendale, in particolare di uno di quei Tableau de Bord a supporto dei processi decisionali, ricchi di dati, grafici e tabelle, aggiornati in tempo più o meno reale, che i manager delle grandi aziende ben conoscono. La parte larga di ogni pagina accoglie il testo del romanzo, mentre in quella più stretta una “In-Visible Scorecard” segnala alcuni indicatori per la sua gestione (lettura ed interpretazione): il numero progressivo dell’episodio, la posizione in Astrogramma dell’Azienda In-Visibile ivi descritta, l’Esagramma correlato nella versione Boaz o Jakin, il link con l’originale calviniano, eccetera. Se qualcuno vuole vedere in questo una ironica rappresentazione dell’illusione (non solo) manageriale del controllo totale sulla realtà, è libero di farlo – anzi decisamente incoraggiato. In particolare,  al percorso narrativo scritto si affianca un percorso musicale, per cui ogni episodio ha una sua “colonna sonora” che ne definisce il mood. Anche grazie all’inserimento di questo elemento, ognuno dei 128 episodi del romanzo si configura come base dati da cui ricavare una piccola sceneggiatura: da qui l’idea, su cui alcuni artisti di SL stanno già cominciando a lavorare, di realizzare Le Aziende In-visibili: la Web-Opera (ibrido fra la Rock Opera musicale e la Soap Opera televisiva, nello spirito dell’Opera Totale di wagneriana memoria, da veicolare attraverso qualche canale tv in Rete) così concepita: 128 video, uno per ogni episodio, durata massima 3 minuti l'uno.
Una Wiki-Opera che potrebbe essere il “Manifesto” di tutti gli artisti che, pur nella diversità dell’ispirazione e delle estetiche, si riconoscono nella necessità di proporsi unitariamente al “mondo esterno”, riconoscendosi nei valori etici  del “Wiki-romance” Le Aziende In-Visibili.
Segnalo che su questo fronte ci sono già state alcune sperimentazioni in Real Life: clip tratti da episodi o capitoli, riportati nei video del Gruppo dedicato in Facebook: http://www.facebook.com/group.php?gid=57922885134

Progetto 2: Film
In collaborazione con Kublai (Ministero per lo Sviluppo Economico) è stato messo a punto un progetto volto a realizzare un film (titolo: “DreamCorp.”) tratto dal romanzo collettivo  "Le Aziende In-Visibili". Il film  dovrà essere caratterizzato:
• dall’uso di tecniche innovative di videografica e hyper-reality,
• dalla valorizzazione di talenti italiani (sia giovani sia già affermati),
• dalla possibilità di rappresentare il meglio del Made in Italy in contesti come ad esempio l’Expo 2015
• dalla volontà di proporre una riflessione su alcuni grandi temi della nostra epoca ad un pubblico soprattutto giovane ma comunque il più possibile allargato, utilizzando quindi canali distributivi tradizionali e non (offline ed online).
Il soggetto del film, scritto, in collaborazione con Marco Minghetti, da Adelchi Battista,  già noto per le sue sperimentazioni cinematografiche in  Second Life,  si snoda lungo diversi percorsi narrativi all'interno della molteplice trama de “Le Aziende In-Visibili”, ciascuno corrispondente ad un personaggio del romanzo e che si svolge in parallelo in uno specifico ambiente di videografica, fino al loro ricongiungimento progressivo.
Il progetto è innovativo sia dal punto di vista concettuale, sia con riferimento al modello di produzione poiché:
• Il film propone una riflessione originale sulla necessità di trovare modalità di lavoro e convivenza più umane ed eticamente fondate (come del resto la crisi globale attuale certifica ampiamente), traendo linfa da una attività di riflessione che ha coinvolto negli ultimi quindici anni un network assai esteso di personalità di diversissima estrazione (humanistic management) e ha già prodotto molti risultati (pubblicazioni, cattedre universitarie, eventi, blog dedicati anche in contesti prestigiosi quali quello de Il Sole 24 Ore, eccetera);
• Il film sarà ambientato nell’iper-realtà (Iper-realtà, hyper-reality: esperienza dell’ibridazione fra mondi reali e mondi virtuali), oltre che nella real-life, e sarà realizzato integrando modalità di produzione / post-produzione tradizionali con la tecnica del machinima (Machinima: forma di computer-generated imagery realizzata usando strumenti e risorse di videogiochi/metaversi tipo Second Life con motori grafici 3D), dando la possibilità ai creativi italiani di affermarsi in un settore attualmente allo stato nascente e con enormi potenzialità di crescita;
• L’ambientazione del film partirà dalle 190 immagini di Luigi Serafini che illustrano il romanzo, dando al film il taglio visionario e onirico del grande artista scoperto da Calvino e riproposto fra le altre cose anche recentemente da Vittorio Sgarbi con una grande mostra al Pac di Milano;
• La musica in “DreamCorp.” avrà un grande rilievo, così come accade anche nel romanzo “Le Aziende In-Visibili”: in questo senso la colonna sonora del film potrebbe proporsi come il meglio del panorama musicale italiano;
• Una comunità allargata sarà coinvolta in modo attivo nelle fasi critiche del processo (come trattamento, sceneggiatura e casting – sia degli attori reali sia degli avatar), anche grazie all’utilizzo delle più avanzate piattaforme wiki,  benchè il Wiki, prima ancora che un tool tecnico, sia un modello mentale e una prassi di lavoro, che prevede una consegna iniziale intorno a un'idea/progetto/obiettivo e un frame condiviso di regole e controlli. “Le Aziende In-Visibili é a tutti gli effetti un wikiromance. Nel caso di “DreamCorp.” abbiamo un soggetto ricavato da quel testo. Lo sviluppo delle singole scene in cui il soggetto si articolerà sarà effettuato con le modalità di collaborazione e di condivisione tipicamente wiki, così come accade alle singole voci di Wikipedia.
Il Progetto è all’attenzione del Dipartimento Cinema del Ministero e ha attratto l’attenzione di una importante Casa di produzione.

Progetto 3: Il Talk Show
E’ stato presentato al Comune di Roma il Concept di un Talk Show che si propone come il  primo Talk Show in Second Life visibile ad un ampio pubblico di non specialisti.
• Lo Show, realizzato  negli ambienti di Experience Italy, è visibile infatti in diretta via streaming in Internet tramite partner quali Rainet e  Sole 24 Ore.
• L’obiettivo è presentare in maniera innovativa il meglio del Made in Italy, anche traguardando l’orizzonte degli EXPO 2010 (Shangai) e 2015 (Milano).
• La prima serie si articola in 10 puntate di un’ora, ispirate ad altrettanti temi esposti in chiave narrativa nel romanzo Le Aziende In-Visibili.
• Il percorso dialogico che coinvolge personalità del mondo economico e culturale italiano durante il Talk Show è supportato da una attività sinergica di comunicazione offline ed online (Facebook, Web 2.0.).
• Il progetto nel suo complesso è coerente con i principi del Terzo Rinascimento, definiti dal sociologo Francesco Morace, ma anche con il Rinascimento Virtuale proposto dall’architetto Mario Gerosa per l’arte di Second Life.
• Il ponte Shangai-Milano, costruito all’interno del Progetto grazie all’esperienza  di Antonio Fazio,  riecheggia il dialogo calviniano fra Kublai Kan e Marco Polo.

All’interno del programma è previsto l’utilizzo di video realizzati in SL: i materiali prodotti per la Web Opera e/o il Film potrebbero essere presentati, insieme agli artisti che li avranno realizzati,  in questo contesto di alta visibilità.

Progetto 4: Il DVD musicale
Nel quadro del “ponte” Milano Shangai che stiamo costruendo con Antonio Fazio, c’è l’idea di realizzare un DVD con 10 gruppi, 5 italiani e 5 cinesi, che esprimano il meglio del rock dei due paesi. Questi 10 pezzi saranno ispirati a 10 Episodi del romanzo e ancora una volta i relativi videoclip potrebbero essere realizzati in SL.

Progetto 5: Il Book Trailer
Sarebbe infine utile realizzare (traendolo  dai materiali via via realizzati per i precedenti progetti o ex novo) un book trailer per dare visibilità al romanzo e nello stesso tempo fare da traino alle realizzazioni video.
Artisti che ad oggi  si sono dichiarati interessati al Progetto

Adelchi Battista (sceneggiatura e regia Film)
Cinzia Bomoll (Episodio 116,  Web Opera)
William Nessuno (Episodio 39, Web Opera)
Roberta Cirillo aka Loren Merlin (Web Opera, Episodio da definire)
Paolo Palmacci aka Neupaul Palen (Episodio 95, Web Opera)
CrisTower Dae  (Web Opera, da definire)
Alice Cittone Mastroianni (Web Opera, da definire)
Elettra Gausman (Costumi)
Kei Kohjishi (Avatar, Location)
Mila Tatham aka Salima Venditti (Web Opera, da definire)
Rodroguez Imako (Web Opera, da definire)
Icarus Robbiani (Fotografia)

Kristine Lowey, Animations e Sculpted Prims (Web Opera, Episodio 90)

Tutte le attività saranno gestite tramite il Gruppo dedicato a Le Aziende In-Visibili su Facebook e il blog Le Aziende In-Visibili di NOVA100.